Consigliere comunale Galella attacca assessore comunale allo sport per lo stadio Viviani di Potenza e la Regione Basilicata per il restauro del teatro Duni di Matera

17 aprile, 2018 10:47 |

Al capogruppo di Fratelli d’Italia al Comune di Potenza, Alessandro Galella, piace innescare polemiche di campanile. Dopo aver provocato la Regione Basilicata per il contributo concesso per la festa della Bruna, patrona della città di Matera, finanziamento considerato tre volte superiore rispetto a quello concesso per la festa patronale di San Gerardo a Potenza, il consigliere comunale potentino ci riprova associando la questione della riqualificazione dello stadio Viviani di Potenza ai fondi promessi dalla Regione Basilicata per il restauro del teatro Duni di Matera. Di seguito la nota integrale del consigliere comunale potentino Alessandro Galella (Fratelli d’Italia).

“Purtroppo all’Assessore allo Sport del Comune di Potenza stanno sfuggendo le cose di mano. La città che sta ogni quindici giorni invadendo lo stadio Viviani è già con un piede in serie C. Quindi lei ha un solo grande impegno che è quello di far disputare al Potenza tutte le partite regolarmente nel suo stadio. Per cui i tempi biblici a cui gli uffici comunali sono abituati, devono essere modificati. Ogni energia utile dell’Assessore deve essere spesa per fare subito le gare necessarie ad assicurare affidamento e gare nei tempi giusti. Se gli uffici non ne sono in grado cambi qualcosa altrimenti il Sindaco cambi Assessore. Ora basta, non c’è più tempo da perdere. Sarebbe bello inoltre che qualche Consigliere Regionale di Potenza chiedesse al Presidente che vuole restaurare il teatro Duni di Matera, di fare lo stesso con lo Stadio Viviani di Potenza. Un grande stadio è ciò che Potenza e l’amore per il calcio dei tifosi del Potenza, meritano”.

Lo dichiara il capogruppo di Fratelli d’Italia al Comune di Potenza, Alessandro Galella.

stadio viviani e teatro duni

Lascia un commento

2 commenti

  1. 1 settimana  

    punkmatera

    Parassiti senza vergogna, il tuo paese di montagna sono anni che succhia milioni e milioni alla regione e non avete neanche la decenza di TACERE!
    CONTINUATE AD ESSERE PARASSITI, ma almeno evitate di farlo notare!