Marchio Maratea De.C.O., intervento del Consorzio Turistico Maratea

16 aprile, 2018 07:56 |

 

Il marchio “Maratea De.C.O.” – la Denominazione comunale d’origine per i prodotti agroalimentari tradizionali della città tirrenica – ha l’effetto di rafforzare il turismo e nello specifico il turismo enogastronomico sempre più in crescita e che ha ancora molto spazio di ulteriore crescita. E’ il commento del Consorzio Turistico Maratea affidato ad una nota del presidente Biagio Salerno.
Non a caso – aggiunge – il Primo Rapporto sul Turismo Enogastronomico Italiano mostra un divario tra esperienze fruite e quelle desiderate e un crescente interesse. Si può quindi cogliere un’opportunità, che grazie alle recenti novità legislative che riconoscono finalmente l’enoturismo e regolamentano il settore con criteri precisi, potrà finalmente sprigionare tutte le sue potenzialità.
Nel sottolineare che l’enogastronomia è una componente rilevante nelle scelte di viaggio degli appassionati del “turismo esperienziale”, al punto che Il 63% dei turisti italiani valuta importante la presenza di un’offerta enogastronomica o di esperienze tematiche quando sceglie la meta del viaggio, Salerno evidenzia come per gli ospiti di Maratea il buon cibo è da sempre associato all’offerta del mare, del patrimonio naturalistico-ambientale e storico-culturale, ad una vacanza da godere attraverso tutti i sensi, compreso il gusto. Ma c’è una domanda crescente di servizi per i turisti del cibo che va soddisfatta di più e meglio. È molto positiva la crescita dei viaggiatori che visitano i nostri territori alla scoperta delle ricchezze enogastronomiche. Serve ora aprirsi ancora di più, aggiungendo alla qualità e alla sostenibilità la parola multifunzionalità. La ricezione turistica, anche attraverso l’apertura delle strutture produttive ai visitatori, può diventare uno strumento essenziale per avvicinare produttori e consumatori, oltre che essere una voce di reddito aggiuntiva. E con la De.C.O. facciamo un passo in avanti importante specie per fare rete tra produttori, ristoratori, albergatori e loro associazioni di categoria con l’obiettivo di rendere il soggiorno da noi più coinvolgente con una motivazione in più per ritornarci.
Il presidente del Consorzio, inoltre, riferisce che farà base a Maratea l’attività della scuola internazionale “First EWSB Spring School”, organizzata dall’Università degli Studi di Milano-Bicocca nell’ambito del progetto COST CA16108 – VectorBosonScatteringCoordination and Action Network – e finanziata dalla Commissione Europea tramite il programma quadro Horizon 2020, dalla Fondazione Cariplo e da Regione Lombardia con il progetto 2015-1253, rivolta a studenti di laurea, studenti di dottorato e giovani ricercatori. I 55 partecipanti, provenienti da nazioni di tutto il mondo, con culture, lingue e formazione differenti si ritroveranno nello stesso hotel di Maratea (Pianeta) per approfondire insieme la conoscenza della fisica delle particelle elementari, sia dal lato teorico che sperimentale, sotto la guida di un collegio di 10 docenti di caratura internazionale, dove l’importante componente italiana rispecchia l’alto livello della ricerca nel nostro Paese.
Per un’intera settimana, ogni giorno gli studenti parteciperanno a lezioni e discussioni, che continueranno durante momenti più conviviali di fronte ad uno paesaggio e panorama fra i più superbi d’Italia, nella posizione unica del Grand Hotel PianetaMarateaResort.
Al termine della scuola, gli studenti torneranno alle proprie università e centri di ricerca con un ricco bagaglio culturale e una nuova rete di conoscenze internazionali, che è una delle chiavi del successo della ricerca di punta e uno dei principali obiettivi dell’agenzia COST.

Lascia un commento